STATI UNITI: DONALD TRUMP PROPONE UN MURO IN ACCIAIO PER LASCIARE “SPEGNERE”

Il presidente Donald Trump è intransigente e più determinato che mai a mantenere la sua promessa elettorale sulla costruzione di un muro lungo il confine messicano. Tuttavia, questa decisione è lungi dall’essere unanime al Congresso americano. In attesa di un accordo, gli Stati Uniti stanno vivendo un vero arresto.

“SHUT-DOWN”: GLI USA SI FERMANO

La situazione negli Stati Uniti è stata particolarmente tesa nelle ultime settimane. In effetti, democratici e repubblicani non sono in grado di concordare il bilancio degli Stati Uniti per il 2019. Il punto centrale di queste discussioni è la costruzione del muro al confine con il Messico, voluto da Donald Trump. Contrariamente alla costruzione di questo muro, i democratici considerano questo progetto “immorale”, estremamente costoso e “inefficace”.

Le conseguenze dell’assenza di un accordo sulla legge di bilancio stanno iniziando a farsi sentire nel paese di zio Sam. Il paese deve affrontare una paralisi parziale della società americana, alcuni servizi pubblici non sono in grado di operare, come alcuni musei o persino raccolte di rifiuti nei parchi nazionali. Di conseguenza, quasi 800.000 dipendenti pubblici non possono più lavorare e sono in attesa di una conclusione nei negoziati di bilancio, al fine di riprendere le loro attività il più rapidamente possibile.

UN PRESIDENTE IN CAMPEGGIO SULLE SUE POSIZIONI

Donald Trump non sembra assolutamente pronto a cambiare idea: “Dobbiamo costruire questo muro, la sicurezza del nostro paese è la priorità, è la nostra identità che è in gioco”, ha detto il miliardario durante un incontro con giornalisti alla Casa Bianca. I due partiti politici stanno lottando per trovare un terreno comune e ognuno gira la palla per designare la persona responsabile di questo blocco.

Oltre la moralità del progetto, è soprattutto il problema finanziario che pone il problema. In effetti, il presidente richiede una dotazione astronomica di 5 miliardi di euro per attuare la costruzione di questo muro, al fine di combattere l’immigrazione clandestina. Sebbene sia la maggioranza nella Camera dei deputati, il Partito repubblicano non può approvare il progetto senza l’accordo di alcuni democratici. Le leggi di bilancio devono infatti raccogliere almeno il 60% dei voti per essere adottate.

UNA PARETE IN ACCIAIO AL CONFINE MESSICANO?

Per far avanzare il dibattito con i suoi oppositori politici, il presidente Trump ha dichiarato di essere pronto a fare una “concessione” proponendo di costruire un muro d’acciaio anziché concreto, come inizialmente discusso. Loda anche questa nuova opzione come una “buona soluzione”, “più solida” e “meno ostruttiva”, aggiungendo che sarà interamente prodotta negli Stati Uniti. Il presidente degli Stati Uniti aveva già menzionato questa soluzione alcuni anni fa, desiderando “un muro con barre di acciaio progettate in modo artistico” per consentire di vedere attraverso.

Sebbene affermi di rimanere “aperto al dibattito” e determinato a “trovare un compromesso”, il Partito Democratico non sembra ancora pronto a cambiare idea. La senatrice americana Susan Collins ha descritto il dibattito sulla nuova proposta di Trump come “strano”. Soprattutto da quando il governo federale ha già costruito prototipi di cemento vicino al confine di San Diego, generando milioni di dollari di spesa.

Gli eventi attuali ricordano anche la “chiusura” che ha avuto luogo tra il 1995 e il 1996, sotto l’amministrazione Clinton, e che ha portato il Paese alla chiusura per 21 giorni. Cosa succederà se la situazione non migliorerà? Donald Trump ha già minacciato di dichiarare ufficialmente uno stato di emergenza, che gli consentirebbe di convalidare il progetto senza passare attraverso l’accordo del Congresso americano.