DOPO IL RIDUZIONE, IL NUMERO DI CITTADINI AMERICANI AUMENTA

Più di 754.700 immigrati sono diventati cittadini degli Stati Uniti durante il secondo anno in carica del presidente Trump.

Questo è il numero più alto dal 2013, ha recentemente dichiarato un portavoce dei servizi di cittadinanza e immigrazione degli Stati Uniti. Altre fonti (USCIS in particolare) suggeriscono un numero inferiore, ma comunque superiore a 700.000 persone.

NUOVI UFFICI PER SODDISFARE LE RICHIESTE IMMIGRATE

I dati in crescita del 2018 seguono un calo del numero di cittadini nell’anno fiscale 2017 (-6%), un periodo che include i primi nove mesi del mandato del presidente. La frustrazione sta crescendo, tuttavia, tra i pro-immigrati che temono che il “filtraggio estremo” del governo impedirà alle persone di diventare cittadini in tempo per votare a metà novembre.

Michael Bars, portavoce dei servizi di cittadinanza e immigrazione degli Stati Uniti ( USCIS ), ha dichiarato che l’agenzia sta affrontando un carico di lavoro “record e senza precedenti” con quasi 2 milioni di domande in 2016 e 2017. Per far fronte al crescente numero di richieste, sono stati inaugurati quattro nuovi uffici – tra cui un più grande centro di elaborazione delle richieste che aprirà presto a Dallas – e altri dieci ampliati.

Bar, il numero di domande in sospeso più che raddoppiate sotto l’amministrazione Obama, da 291.800 a settembre 2010 a quasi 700.000 all’inizio del 2017. Quasi 9 domande di cittadinanza su 10 sono state approvate su L’anno scorso, un tasso simile a quello dell’amministrazione Obama, ha detto Bar. Le cifre definitive per l’esercizio finanziario 2018 (dal 30 settembre 2017 al 1 ottobre 2018) vengono conteggiate e potrebbero aumentare.

Democratici, funzionari locali e avvocati dallo Utah alla Georgia hanno chiesto all’amministrazione Trump di ridurre il suo arretrato di richieste, che ammonta a 750.000 file. I tempi di attesa per le domande di cittadinanza sono passati da sei mesi sotto Barack Obama a oltre dieci mesi ormai.

VERSO UN TRATTAMENTO PIÙ VELOCE?

A settembre, diversi gruppi di patrocinio hanno intentato un’azione legale presso il tribunale distrettuale di Los Angeles, chiedendo a un giudice di costringere l’agenzia a consegnare i reclami in ritardo. Ritengono che il “filtraggio estremo” delle domande di cittadinanza abbia privato i residenti “della possibilità di partecipare pienamente alla vita civile e di votare alle prossime importanti elezioni”.

“Questo è ciò che chiamiamo il secondo muro”, ha dichiarato Gustavo Torres, direttore esecutivo di CASA, uno dei gruppi coinvolti nel processo. “Questo governo sta creando così tante difficoltà per i candidati a diventare cittadini statunitensi che li hanno scoraggiati. I sostenitori hanno aggredito Trump per aver cercato di frenare l’immigrazione legale e illegale anche quando i suoi suoceri immigrati sono diventati cittadini americani durante una cerimonia quest’anno a New York.

Funzionari federali affermano che il governo esamina correttamente ogni domanda di cittadinanza e che possono verificarsi ritardi a causa di conflitti di programmazione o domande incomplete. Hanno anche un carico di lavoro più pesante rispetto a prima: le richieste sono passate da 783.000 nel 2015 a oltre 986.000 nel 2017, un aumento del 25% che, secondo alcuni analisti, è in parte spiegato dall’anti retorica – Trump immigranti.

Nell’anno fiscale 2017, l’ultimo anno fiscale per il quale sono disponibili dati dettagliati, il maggior numero di nuovi cittadini era in California, New York, Florida e Texas, secondo il rapporto sulla sicurezza nazionale pubblicato il mese scorso . I messicani, che Trump spesso prendeva di mira nei suoi discorsi, erano il più grande gruppo di nuovi cittadini – oltre 118.000 – seguiti da indiani e cinesi. Tra gli stati con un alto numero di immigrati, il Massachusetts ha registrato il più grande aumento delle naturalizzazioni nel 2017 con un balzo del 13%, seguito dal 7,3% in Virginia e dal 3,6% in California.