UN’UNIVERSITÀ FACILE PER RACCOGLIERE GLI STUDENTI STRANIERI

Degno di una sceneggiatura cinematografica, le autorità di immigrazione hanno mostrato audacia nel creare un’università fittizia con l’obiettivo di arrestare gli studenti stranieri che utilizzano un visto per studenti per rimanere negli Stati Uniti.

UNIVERSITÀ DI FARMINGTON

Questa università americana aveva un bell’aspetto e somigliava molto a una scuola ufficiale. Situata nel Michigan, la scuola aveva un sito Web, una pagina Facebook con diversi eventi in corso, uno stemma, un motto e un proprio indirizzo fisico. Ma era tutto un falso, perché non c’erano programmi, lezioni e insegnanti. In realtà, l’Università di Farmington è stata una facciata per i servizi di immigrazione americani al solo scopo di smascherare le reti di frode sull’immigrazione.

Alla fine, questo scenario ha dimostrato il suo valore, perché l’operazione (chiamata “inseguimento di carta”) ha portato all’arresto di diversi studenti stranieri a fine gennaio. Tra i 600 studenti stranieri (principalmente di origine indiana) caduti nella trappola, otto sono stati designati “agenti di reclutamento” e sono accusati di usare documenti falsi per creare falsi registri degli studenti. Un funzionario della dogana ha affermato che “questi sospetti hanno aiutato centinaia di stranieri a rimanere negli Stati Uniti illegalmente aiutandoli a identificarsi come studenti che non erano”.

UNIVERSITÀ DI FABBRICA: IL METODO È DIBATTITO

Anche se l’accusa afferma che gli otto “agenti di reclutamento” erano a conoscenza della falsa identità della scuola, nessun atto menziona il consenso degli altri 600 studenti. Pertanto, il governo indiano disapprova questi metodi e giudica che i suoi cittadini sono stati manipolati dai servizi di immigrazione americani. L’avvocato di una giovane donna palestinese assicura, nel frattempo, che la giovane donna non ha mai dubitato della reale esistenza dell’università.

Negli Stati Uniti, il metodo utilizzato è anche indignato: “Stanno attaccando gli studenti che cercano di migliorare la propria vita, non sono criminali” contesta il professore di legge, Amer Zahr, che esercita presso l’Università di Detroit. “Normalmente, vorremmo che le nostre forze dell’ordine indagassero sui crimini che avvengono effettivamente anziché spendere tempo e risorse che incitano alla criminalità in operazioni inventate”, ha dichiarato Faiza Patel, membro del Centro di Brennan. per la giustizia della New York University.

In questo preciso momento, 150 studenti di origine indiana sono minacciati di espulsione dal territorio americano. L’ambasciata indiana a Washington ha aperto una linea telefonica per le famiglie degli studenti arrestati.

L’IMMIGRAZIONE NEGLI STATI UNITI, UN PROBLEMA IMPORTANTE

Nel 2016, c’erano quasi 43 milioni di immigrati negli Stati Uniti. Il ricongiungimento familiare è la ragione principale per cui l’immigrazione è al lavoro, i richiedenti asilo e i visti sulla diversità ( lotteria con carta verde ). Accanto a questa immigrazione legale, gli Stati Uniti devono affrontare il flagello dell’immigrazione clandestina, principalmente latinoamericana.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha fatto dell’immigrazione clandestina uno dei temi principali della sua politica, in particolare proponendo di costruire un muro che separasse gli Stati Uniti d’America dal Messico. La vera ossessione del presidente, il desiderio di costruire un muro anti-immigrazione ha generato il più lungo arresto nella storia degli Stati Uniti, privando il finanziamento delle principali amministrazioni. Poiché la chiusura non è riuscita a raccogliere i 5 miliardi di dollari necessari per costruire il muro, Donald Trump ha dichiarato una “emergenza nazionale” al fine di aggirare il Congresso e ottenere finanziamenti, il che ha portato a diverse cause legali. Stati americani Caso da seguire.