QUANDO È EST OBBLIGATORIO?

Una volta attuato il programma di esenzione dal visto, i cittadini dei paesi partecipanti potevano viaggiare negli Stati Uniti senza visto. Al fine di rafforzare la sicurezza del programma, e soprattutto di garantire la sicurezza interna degli Stati Uniti, il governo americano ha integrato il programma con l’ ESTA obbligatoria.

ESTA, SISTEMA ELETTRONICO PER AUTORIZZAZIONE DI VIAGGIO

Che si tratti di un viaggio negli Stati Uniti o di un semplice transito, per i viaggi aerei e marittimi è necessaria l’autorizzazione di viaggio ESTA. In generale, qualsiasi entrata sul suolo americano è soggetta ad autorizzazione (visto americano, ESTA o altro). Si noti che né il visto né l’ESTA garantiscono l’ingresso negli Stati Uniti, spetta al funzionario dell’immigrazione determinare se un viaggiatore soddisfa tutti i criteri e non costituisce una minaccia.

La scelta tra visto ed ESTA dipende dalle ragioni del soggiorno negli Stati Uniti. Il vantaggio di ESTA è che è rapido da ottenere poiché è sufficiente una semplice domanda online, a differenza della domanda di visto che richiede di contattare l’ambasciata americana. L’ESTA obbligatoria non è disponibile a tutti, tuttavia, e devono essere soddisfatte diverse condizioni di ammissibilità.

OBBLIGHI DA RISPETTARE

Essere cittadini di un paese che partecipa al Visa Waiver Program è obbligatorio; questa autorizzazione di viaggio è stata creata appositamente per lui. Si noti che i viaggiatori con doppia nazionalità irachena, sudanese o siriana non possono tuttavia ottenere un’autorizzazione ESTA.

L’autorizzazione al viaggio è collegata esclusivamente al passaporto, passaporto elettronico o passaporto biometrico. Pertanto, in caso di un nuovo passaporto o di una modifica dei suoi dati (non solo il numero del passaporto), l’autorizzazione dovrà essere rinnovata.

Il viaggio negli Stati Uniti deve avere una durata massima di 90 giorni. Tuttavia, non è necessario presentare domanda per ogni soggiorno negli Stati Uniti poiché l’autorizzazione ESTA obbligatoria è valida per 2 anni (o fino alla scadenza del passaporto se ha luogo prima). Anche il numero di soggiorni brevi (soggiorni turistici, viaggi d’affari o di transito) durante il periodo di validità non è limitato.

Un’ultima limitazione da prendere in considerazione è il divieto dell’ESTA per le persone che hanno visitato Iraq, Siria, Iran, Yemen, Libia, Sudan e Somalia dal 1 ° marzo 2011 (a condizioni) .

OTTENERE ESTA OBBLIGATORIA

Come accennato, la richiesta di ESTA è presentata da un modulo che deve essere compilato dall’interessato o da un terzo. La richiesta di autorizzazione può anche essere fatta per un individuo o per un gruppo.

Il modulo ESTA è molto completo, include i dati contenuti nel passaporto, le informazioni personali e i dettagli del soggiorno. È completato da una serie di domande le cui risposte possono essere solo sì o no. Le autorità americane non accettano alcun errore e non è possibile apportare modifiche (tranne l’indirizzo e-mail e l’indirizzo negli Stati Uniti) una volta che la richiesta di autorizzazione è stata convalidata e pagata.

Il viaggiatore ha la scelta tra fare la sua richiesta sul sito del governo degli Stati Uniti o su un sito privato, quest’ultimo con il vantaggio di offrire un modulo semplificato e assistenza se necessario (per compilare il modulo o per il parere esperto).

Una volta risolta la richiesta, l’autorizzazione viene approvata, in sospeso o rifiutata.

Come suggerisce il nome, un’autorizzazione approvata ti consente di viaggiare negli Stati Uniti senza che sia necessaria alcuna altra azione. Non è necessario stampare il documento ESTA obbligatorio.

Un’autorizzazione in sospeso implica la verifica dello stato della richiesta entro 72 ore (quindi la raccomandazione di inoltrare la richiesta di autorizzazione entro e non oltre 72 ore prima della partenza).

Un’autorizzazione rifiutata non è un divieto definitivo di viaggiare negli Stati Uniti. Una nuova richiesta può essere fatta in caso di errore nel modulo o una richiesta di visto può essere indirizzata all’Ambasciata degli Stati Uniti.