ESTA OBBLIGATORIA PER UN TRANSITO NEGLI USA?

Quando ci occupiamo delle formalità di un viaggio, pensiamo in particolare all’organizzazione nel paese di destinazione, senza sempre prestare attenzione agli obblighi relativi a un possibile transito. Ad esempio, alcuni paesi impongono un pass o un permesso di soggiorno a chiunque entri nel loro paese, anche se sono solo poche ore per cambiare aereo.

Questo è il caso negli Stati Uniti. Le autorità americane desiderano conoscere tutti i viaggiatori che visitano il loro territorio, sia per un lungo espatrio, un soggiorno temporaneo o addirittura un pomeriggio proveniente dal Canada. Stai attraversando uno stato degli Stati Uniti, ma solo per transitare verso la tua destinazione finale? Indipendentemente da ciò, dovresti prendere in considerazione la domanda di transito ESTA , per qualsiasi progetto che implichi il trasferimento negli Stati Uniti. Spieghiamo anche qui se esistono equivalenti a questa autorizzazione, nel caso della corrispondenza aerea negli Stati Uniti d’America.

TRANSITO NEGLI STATI UNITI SENZA SOGGIORNO: HO BISOGNO DI UN ESTA?

A differenza dell’Unione europea, che offre ai suoi cittadini una grande libertà e semplicità di movimento all’interno dei paesi membri, gli Stati Uniti adottano un atteggiamento più restrittivo. Anche per un transito (scalo in un aeroporto senza lasciarlo), tutti i visitatori devono avere un documento per rimanere legali. Questo può essere un documento ESTA.

Infatti, ESTA USA non è utilizzato solo per un soggiorno turistico, sebbene sia il suo uso principale. Questo titolo, disponibile per i cittadini dei paesi interessati dal Visa Waiver Program, consente anche di essere accettato per viaggi di lavoro e per ciò che ci interessa qui, vale a dire i transiti. Si noti che il programma di esenzione dal visto o VWP consente ai viaggiatori di 38 paesi di partire per gli Stati Uniti senza visto.

Forse ti stai chiedendo: qual è lo scopo di richiedere questo ESTA per il transito, piuttosto che un visto? In effetti, la procedura per il secondo è molto più lunga e più costosa di quella per il primo. L’ESTA è ottenuto tramite un semplice modulo online per completare e validare (qui ci sono maggiori dettagli per compilare il questionario). La risposta (rifiuto o accettazione) ti verrà inviata entro 72 ore. Nessuna intervista all’ambasciata americana da pianificare, niente mesi da aspettare, niente centinaia di euro da spendere. Pochi clic e la richiesta online viene inviata ai sistemi elettronici! Devi solo stare attento a rispettare i criteri: il viaggio negli Stati Uniti dura al massimo 90 giorni consecutivi e si basa su turismo, affari o, come vediamo qui, transito. Il visto ti consente di rimanere fino a sei mesi sul posto, il che non fornisce alcun vantaggio per una sosta.

Una volta che il tuo transito ESTA è stato accettato, tutto ciò che devi fare è salire a bordo verificando il tuo passaporto. Da un lato, deve essere un passaporto biometrico o elettronico; d’altra parte, deve avere un periodo di validità che copre l’intero passaggio sul territorio americano. Questo probabilmente non dovrebbe essere un problema vista la velocità di un transito.

Nota, tuttavia, una nota importante: l’autorizzazione ESTA non è l’unica opzione per un soggiorno negli Stati Uniti ai fini del transito.

VISTO USA, ALTERNATIVA AL TRANSITO ESTA

Il transito ESTA non è aperto ai cittadini di alcuni paesi (escluso il VWP). Loro o le persone che non desiderano ordinare un ESTA devono rivolgersi a un visto USA. Si prega di notare che stiamo parlando di “un” visto e non di “visto”, poiché esiste una moltitudine, a seconda del motivo del viaggio negli Stati Uniti. Studi, tirocinio, viaggio turistico, coniuge che si unisce al coniuge, creazione di imprese … l’elenco potrebbe continuare; il motivo in questione deve essere rigorosamente rispettato, senza deviare immediatamente da un altro visto.

I visti sono divisi in lettere per discernerli: quindi, le autorizzazioni di transito iniziano con “C”. Tuttavia, non è sufficiente richiedere un visto C, poiché è suddiviso in cinque copie:

  • Visto C1D per i membri dell’equipaggio
  • Visto C2 per la sede delle Nazioni Unite
  • il visto C3 riservato agli alti funzionari
  • il visto C4 per il programma ATP
  • il visto C1 più comune per tutti gli altri

Nella maggior parte dei casi, è quindi possibile scegliere tra un transito ESTA o un visto C-1, ad esempio se si è membri dell’equipaggio o di alto livello. Come accennato in precedenza, la domanda di visto comporta un appuntamento presso l’ambasciata degli Stati Uniti. Il processo del modulo ESTA è molto più semplice: alcune informazioni da fornire sul numero del passaporto, la data di nascita, i motivi per cui desideri viaggiare negli Stati Uniti …

Qualunque sia il contesto, la durata o la destinazione, controlla sempre i tuoi documenti di identità prima di viaggiare all’estero: devi avere un passaporto valido e riconosciuto, altrimenti incontrerai problemi con le autorità locali alla frontiera .